Luoghi da vedere e visitare: Le bellezze artistiche

20_santuarioTutti i territori della Media Valle del Serchio sono ricchi di bellezze artistiche ed architettoniche, ognuna delle quali meriterebbe una visita.
Non a caso, il celebre poeta Giovanni Pascoli che qui era di casa, soprannominò questa zona: “La valle del bello e del buono”.
In questa pagina ho cercato di elencare e sintetizzare quelle che, a mio avviso, sono alcune delle più interessanti e più suggestive attrazioni architettoniche e monumentali del posto. Siete pronti per immergervi nella storia e nell’arte? Bene, iniziamo subito allora!
Come prima tappa di questo percorso alla scoperta dei gioielli artistici del territorio, vi suggerisco di iniziare dalla visita alla così detta “Linea Gotica”, una fortificazione eretta a Borgo Mozzano. L’opera risale al 1913-1914 e venne eretta come fortificazione dall’esercito tedesco che cercava un modo per frenare e rallentare l’avanzata delle truppe alleate. Gli appassionati potranno vedere da vicino la fortificazione e potranno visitare le trincee, i valli anticarro, le piazzole, i camminamenti e gli antichi bunker. Un tuffo nella storia davvero toccante, soprattutto per il significato di quest’opera e per il periodo drammatico cui appartiene.
Passiamo ora a qualcosa di più “leggero” e spostiamoci ad ammirare il noto “Ponte della Maddalena”, noto anche tra i turisti e gli abitanti come “Ponte del Diavolo”.
Un’antica leggenda del posto, infatti, racconta che a completare questa incredibile struttura di epoca
medievale, databile intorno al XIV secolo, fu addirittura il Diavolo. Il ponte sovrasta il fiume Serchio proprio in corrispondenza con il Borgo di Mozzano ed è sempre affollato di curiosi e turisti in cerca di qualche scatto fotografico suggestivo. Di grande interesse storico ed artistico sono inoltre i numerosi eremi e santuari che sorgono nella zona, da sempre considerata un luogo privilegiato di pace e meditazione.
Tra quelli meglio conservati possiamo citare il Santuario di S. Pellegrino in Alpe a Castiglion della Garfagnana, il Santuario della Madonna del Soccorso e della Madonna della Guardia a Minucciano e l’eremo di Calomini a Vergemoli. Tutti e tre offrono delle preziose testimonianze dell’arte sacra soprattutto di epoca medioevale.
Nel nostro percorso artistico ed architettonico non possiamo poi non includere una visita alle numerose rocche e fortezze della zona. In totale la Valle conserva e custodisce al suo interno ben 11 strutture fortificate. A mio avviso quelle che meritano senza dubbio una visita sono la Rocca Ariostesca e la Fortezza di Mont’Alfonso a Castelnuovo Garfagnana, la Fortezza delle Verrucole a San Romano in Garfagnana, la Rocca di Castiglione sempre a Garfagnana ed infine la Rocca di Camporgiano.
Da non dimenticare poi, per gli amanti dell’arte e del patrimonio storico ed architettonico, una visita ai famosi musei della zona. Ve ne sono per tutti i gusti, si va dal museo della “Figurina di gesso e dell’Emigrazione” a Pescaglia, davvero particolare ed originale, al museo “dei Puccini” a Celle Puccini che conserva antichi cimeli di famiglia del celebre compositore. Da vedere anche il Teatro di Vetriano che ha meritato un Guinnes davvero unico nel suo genere: con i suoi 71m² è il teatro più piccolo del mondo ed è inserito nella lista dei monumenti patrimonio del FAI.
Infine, molto interessante è anche la casa – museo di Giovanni Pascoli che visse a lungo a Barga e che, come me, amò profondamente queste terre.

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *